Artisti Edizione 2016

Matthew Brannon
È nato a St.Maries, Idaho, USA, nel 1971. Vive e lavora a New York La ricerca di Matthew Brannon parte da una riflessione sulla storia e l’evoluzione della grafica pubblicitaria, che l’artista reinterpreta indagando i limiti e le potenzialità, per metterle in relazione con la realtà contemporanea.
Tra le principali mostre personali:
2015 The Rules Are Not the Rules, Casey Kaplan, New York; 2013 Department Store at Night (Five Impossible Films, I), Marino Marini Museum, Firenze; 2008 The Question is a Compliment, Friedrich Petzel Gallery, New York; 2007 Where Were We, Whitney Museum of American Art at Altria, New York; Try & be Grateful, AGYU, Art Gallery at York University, Toronto; 2005 Meat Eating Plants, David Kordansky Gallery, Los Angeles; 2004 Exhausted Blood & Imitation Salt, Johmn Conelly Presents, New York; 2003 Tatum O’Neals Birthday Party, Kevin Bruk Gallery, Miami; 2000 Soft Rock, Künstlerhaus Bethanien, Berlino.
Eric Wesley
È nato nel 1973 a Los Angeles, dove vive e lavora. Il lavoro di Eric Wesley offre un commento ironico sul rapporto mutabile tra arte e società, artista e cittadino, sobria serietà e comicità surreale. Sculture e installazioni offrono un punto di vista originale e spesso dissacrante sul quotidiano.
Tra le principali mostre personali:
2012 Eric Wesley, Galleria Fonti, Napoli, Italia; Eric Wesley: 2 New Works, Bortolami Gallery, New York; 2011 The Same ol’ New Frontier, China Art Objects, Los Angeles; 2009 New Realistic Figures, Maureen Paley, Londra; 2007 Spafice, Foundation Morra Greco, Napoli; 2006 Audi, Meyer-Riegger Gallery, Karlsruhe; Eric Wesley, China Art Objects Galleries, Los Angeles; MOCA FOCUS: Eric Wesley, Museum of Contemporary Art, Los Angeles; 2005 Bowie-Van Valen Gallery, Amsterdam ; 2004I love WW2, Locust Projects, Miami; 2003 Jeans Theory, Statements, Art Basel, Basilea ; 2002 New Amsterdam Lights, Metro Pictures, New York; Enchilada “The Endless Burrito”, Meyer-Reigger Galerie, Karlsruhe; 2001 Two Story Clocktower, CalTech, Pasadena ; 2000 Kicking Ass, China Art Objects Galleries, Los Angeles; 1999 Camper, China Art Objects Galleries, Los Angeles.
Patrizio Di Massimo
È nato a Jesi nel 1983. Vive e lavora a Londra. Patrizio di Massimo rilegge la tradizione e l’identità italiana attraverso un’interessante sovrapposizione tra tradizione e contemporaneità con una gamma molto ampia di linguaggi espressivi , che vanno dal disegno alla scultura, dalla pittura al video fino all’installazion
Tra le principali mostre personali:
2014 Patrizio Di Massimo, Are Ere Ire, T293, Roma; 2014 Patrizio Di Massimo, Soft Corners Lining White, Rowing, Londra; Patrizio Di Massimo, Me, Mum, Mister, Mad, Kunsthalle Lissabon, Lisbona; 2013 Patrizio Di Massimo, Monologue for two, Fiorucci Art Trust (performance); Patrizio Di Massimo, Inside Me, Present Future, Artissima, Torino (performance); Patrizio Di Massimo, The Lustfult Turk, Gasworks, Londra; Patrizio Di Massimo, Monologue for two, MdP1, Milan (performance); 2012 Patrizio Di Massimo, The Lustful Turk, Villa Medici, Roma; Patrizio Di Massimo, I want to live like this, T293, Roma; Patrizio Di Massimo, Buzzi’s Turandot (in the form of notes), Stedelijk Museum, Amsterdam (performance); 2011 Patrizio Di Massimo, Modus Operandi, White Fish Tank, Ancona; 2010 Patrizio Di Massimo, The Negus said: Give me the lion keep the stele!, Art 41 Basel, Art Statements, con T293; Patrizio Di Massimo, Col Sole in Fronte, T293, Napoli; 2009 Patrizio Di Massimo, Zilkha Auditorium1, Whitechapel Art Gallery, Londra.